Traslocare, che stress. Le preoccupazioni di chi cambia casa

I cambiamenti generano paura, e trasferirsi in una casa nuova comporta sempre una certa dose di incertezza. Secondo gli psicologi, all’interno delle principali cause di stress nell’età adulta il trasferirsi occupa la terza posizione. Solo la perdita di una persona cara e il licenziamento da un lavoro provocano uno stress più negativo. La tendenza a cambiare casa e Paese è sempre più comune nella nostra cultura, e circa 17 milioni di cittadini dell’Unione Europea vivono in un Paese diverso dalla loro nazione d’origine. Ma con una corretta pianificazione è possibile cambiare residenza senza soffrire di stress dannosi. Lo spostamento, infatti, può essere visto come un’opportunità di evoluzione.

Non riuscire a trovare la casa giusta, e dover fare i bagagli

Fra le cause che generano l’inevitabile angoscia del cambiamento il 49% delle persone ha come principale timore quello di non riuscire a trovare la casa giusta. Almeno, secondo uno studio condotto dalla società inglese di traslochi AnyVan su un campione di 2000 persone adulte del Regno Unito. Secondo lo studio la seconda ragione per cui si teme di traslocare è quella di fare i bagagli, con il 40% delle “preferenze”. Di contro, il 26% delle persone intervistate sostiene che la più grande preoccupazione sia quella di doverli disfare. Per gli acquirenti di nuove case, invece, il periodo di tempo tra l’offerta e il completamento della proprietà è un’altra preoccupazione importante. Quasi un quarto (23%) di coloro che cercano di ottenere una casa teme di non completare l’acquisto con successo.

Far fronte a quattro cambiamenti nella vita

In Europa mediamente una persona fa almeno quattro trasferimenti durante la propria vita, e le cifre tendono ad aumentare tra i più giovani. L’imballaggio degli oggetti personali e il momento del trasloco sono appunto fra le preoccupazioni che angosciano coloro che affrontano un processo di trasferimento. “All’interno delle attività per ridurre lo stress causato da un trasferimento è fondamentale creare una checklist che permetta di organizzarsi – spiega Angus Elphinstone, Ceo di AnyVan -. L’ordine fa la differenza, ed etichettare le scatole correttamente riduce anche il numero degli inconvenienti durante la sistemazione”.

Consigli per ridurre lo stress durante il trasferimento 

Per ridurre lo stress del trasloco secondo gli esperti di AnyVan giocare d’anticipo può aiutare a gestire i livelli di stress. A tal proposito è bene occuparsi di tutte le operazioni che possono essere fatte prima di traslocare, come ad esempio fare il passaggio della linea internet, pensare in anticipo quali mobili e quali oggetti andranno in ogni stanza. Tutto questo è utile per sentirsi più padroni della situazione. Pensare positivo poi è un’altra cosa fondamentale. Invece di focalizzarsi su preoccupazioni e pensieri angosciosi è bene concentrarsi sui motivi per cui è stata presa la decisione di trasferirsi. Fra questi potrebbero esserci il fatto di avere optato per una casa più grande, per una zona più tranquilla, oppure per il desiderio di stare più vicino alla propria famiglia.