New Digital Payment, +56% in Italia

Da qualche anno il mondo dei pagamenti sta vivendo una profonda trasformazione. I New Digital Payment, i metodi di pagamento digitali innovativi, anche in Italia continuano a crescere a un ritmo elevato: +56% nel 2018 rispetto all’anno precedente. Una crescita trainata soprattutto dalle carte Contactless e dai pagamenti tramite Mobile. La conferma arriva dalla nuova edizione dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano. Che prospetta un futuro di innovazioni tecnologiche, di device e di processi, che cambieranno ulteriormente il nostro modo di pagare.

Con carta o contactless

Nel 2018 i pagamenti con carta in Italia salgono a 240 miliardi di euro, pari al 37% dei pagamenti delle famiglie italiane, con una crescita del +9%. Gli italiani usano sempre di più la carta: il numero di transazioni pro capite oggi è di 69,6 rispetto alle 60 del 2017. Inoltre, nel 2018 sono state effettuate oltre 1 miliardo di transazioni senza contatto da parte dei possessori di carte contactless, per circa 47 miliardi di euro di transato complessivo. A ricoprire un ruolo fondamentale, oltre alla dimestichezza con questa tecnologia ormai acquisita, è anche la crescita del numero di carte e POS abilitati: oltre 1 carta su 2 (60 milioni, +17%) a fine 2018 e più di 3 POS su 4 (1,7 milioni, +21%) sono contactless.

I pagamenti da smartphone

I pagamenti presso i punti vendita attraverso il cellulare (Mobile Proximity Payment) crescono in maniera esponenziale (+650%) e con oltre 15,6 milioni di transazioni effettuate raggiungono i 530 milioni di euro. Raddoppiano, inoltre, sia il numero di persone che l’hanno utilizzato (1 milione in totale a fine 2018) sia la spesa annuale media, che supera i 500 euro per persona. Il valore degli acquisti online Mobile o app (Mobile Remote Commerce), invece, è cresciuto del 40% per un totale di 8,4 miliardi di euro. E quello del Mobile Remote Payment (pagamenti di ricariche telefoniche, bollette, parcheggi, biglietti del trasporto, noleggi auto ecc) ha raggiunto i 900 milioni di euro di transato (+10%). Il valore del transato dei Mobile POS (terminali collegati allo smartphone dell’esercente), infine, è cresciuto del 38%, per un totale di quasi 1,5 miliardi di euro.

Il futuro del Mobile Payment

Il primo livello di innovazione riguarda le piattaforme abilitanti, le soluzioni di back office su cui possono poggiare le innovazioni utilizzate dagli utenti. Al loro interno sono presenti direttrici di innovazione come le Open API e l’AI, legate alle interfacce con sistemi esistenti, l’Instant Payment, correlato alla creazione di nuovi schemi interbancari, e la Blockchain, per la creazione di nuove piattaforme in grado di semplificare gli scambi interbancari o l’intermediazione finanziaria. Su queste tecnologie si basa il secondo livello, i device, i dispositivi che i consumatori possono utilizzare per effettuare pagamenti. Le principali innovazioni in questo ambito sono lo smartphone, gli smart objects e gli assistenti vocali. Esiste poi un terzo livello di innovazioni, e riguardano i processi, che impattano sulle fasi di acquisto, pagamento e autenticazione.