L’AI aggiorna (e corregge) le voci di Wikipedia

L’Intelligenza artificiale aggiorna Wikipedia. Il Mit (Massachusetts Institute of Technology) di Boston ha sviluppato un sistema in grado di aggiornare le voci dell’enciclopedia online, riconoscendone le incongruenze e riscrivendo i testi nel rispetto dello stile e della grammatica umana. L’obiettivo immediato del bot è quello di far risparmiare ore di lavoro agli utenti che revisionano i contenuti di Wikipedia, ma potrebbe essere usato anche per addestrare i sistemi anti-fake news. Attualmente esistono già diversi bot che si occupano della “manutenzione” dell’enciclopedia, ad esempio respingendo l’attacco degli spammer o aggiustando link e contenuti. Il nuovo sistema, però, è il primo capace di comprendere l’eventuale contraddizione fra due frasi del testo.

L’intenzione è rendere il sistema totalmente automatico

In pratica, l’AI riscrive la nuova voce di Wikipedia, quella che contiene l’aggiornamento, che per ora deve comunque essere digitata dall’operatore umano in modo non strutturato, cioè senza prestare particolare attenzione a stile e grammatica, riporta Ansa. Il sistema a questo punto cerca su Wikipedia la frase vecchia da aggiornare, la confronta con la nuova informazione ricevuta e la riscrive correttamente usando uno stile umano. L’intenzione dei ricercatori è quella di rendere il sistema totalmente automatico. In futuro non richiederà più che le novità vengano segnalate dall’utente, ma andrà direttamente a cercarsele tra le ultime news sul web, per poi inserirle nei testi di Wikipedia.

Il sistema lavora su due moduli, ed è addestrato con coppie di frasi

Il sistema basato sull’apprendimento automatico lavora perciò su due moduli, ed è addestrato con coppie di frasi che possono ribadire lo stesso concetto, essere in contraddizione o essere neutrali, nel senso che non veicolano abbastanza informazioni per giungere a una conclusione. Se l’algoritmo rileva contraddizioni tra le due frasi, inizia a individuare quali parole escludere e quali mantenere. Questo processo viene definito “maschera di neutralità” e rimuove il numero minimo di parole necessario per “massimizzare la neutralità”.

Un framework encoder-decoder che determina come riscrivere la frase

Il secondo modulo è un framework encoder-decoder che determina come riscrivere la frase di Wikipedia usando delle rappresentazioni semplificate delle due frasi, quella considerata obsoleta di Wikipedia e quella con i fatti aggiornati. Questo modulo è detto “di fusione” perché opera sulle parole diverse tra le due fasi, inserendo le parole nuove nei punti in cui parole in contraddizione sono state cancellate, si legge su hwupgrade.it. Il sistema messo a punto dal MIT può essere usato anche all’interno di rilevatori di fake news, riducendo potenzialmente la distorsione insita in alcune notizie. Tecnologie come questa possono essere trasversalmente utili, poiché potrebbero sostituire, o coadiuvare, anche i redattori umani, garantendo imparzialità e precisione